Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Dodicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

“Benelli è tornata grande, il Leoncino lo dimostra”

6 September 2017
a cura della redazione
In occasione della prova della Benelli Leoncino in anteprima esclusiva Mondiale, abbiamo intervistato Yan Haimei (general manager Benelli Italia). Ci ha spiegato dove viene fatta la Leoncino; perché si chiama così; a chi si rivolge. Abbiamo parlato anche del futuro delle grosse 3 cilindri, di nuove moto 125, di scooter elettrici…
  • Salva
  • Condividi
  • 1/20 La Benelli Leoncino 500 durante il test in anteprima esclusiva mondiale concesso a Motociclismo dalla casa di Pesaro.

    Il Leoncino torna a ruggire

    Motociclismo di settembre è pieno di articoli interessanti, ma uno svetta su tutti: il test della Benelli Leoncino in anteprima esclusiva Mondiale! Vi diciamo com’è fatta e come va la moto che, con la molto ben venduta crossover TRK 502 , costituisce l’asse portante del rilancio della casa di Pesaro.
    Oltre alle impressioni di guida, approfondiamo la Leoncino con chi l’ha disegnata, chi ha progettato il motore e chi dirige tutte le operazioni a Pesaro, Yan Haimei. Partendo dalla Leoncino, alla general manager di Benelli Italia abbiamo chiesto di raccontarci cosa riserva agli appassionati il futuro della Casa marchigiana. E il futuro sarà ricco di grandi novità.

    “Benelli è tornata grande, il Leoncino lo dimostra”
    La Benelli Leoncino 500 è stata presentata in color verde militare, ma la versione definitiva è in rosso, in grigio e in nero. Il "verde Benelli" è usato, in via sperimentale, solo in alcuni mercati asiatici.

    “Siamo tornati grandi”

    “Benelli è tornata grande, il Leoncino lo dimostra”
    Yan Haimei, 48 anni, è stata amministratore unico di Keeway Motor Europe (con sede in Ungheria) dal 1999, ed è a capo della Benelli Italia dal 2006 (Keeway e Benelli fanno parte del gruppo cinese QJ)

    Intervista a Yan Haimei – general manager Benelli Italia

    Il primo prototipo della Leoncino è apparso a Eicma 2015: ci sono voluti due anni per vederlo dai concessionari. Come mai?
    All’epoca abbiamo voluto mostrare un progetto che in realtà era ancora acerbo: gli step di produzione che ci hanno portato da quel prototipo all’industrializzazione sono stati inaspettatamente lunghi. Pensi che solo per la calibrazione dell’ABS ci sono voluti nove mesi. Ma ora siamo pronti.

    Il Leoncino 125 è stato la Benelli di maggior successo negli anni ‘60: per questo avete scelto il nome?
    Dal punto di vista del marketing questo è uno dei motivi. Ma poi Leoncino è anche un bel nome, suona bene. E il leone è il simbolo stesso della Benelli. Tutto sta a dire che siamo tornati grandi.

    “Prezzo entro i 6.000 euro, con un alto livello di qualità”

    “Benelli è tornata grande, il Leoncino lo dimostra”
    Suggestiva inquadratura nell'entroterra pesarese, tra Urbino e Urbania, per la Benelli Leoncino durante il test in anteprima esclusiva mondiale concesso a Motociclismo dalla casa di Pesaro.

    Qual è il target della Leoncino?
    Il range della possibile clientela è molto ampio: la moto può piacere al ventenne neopatentato come al nostalgico sessantenne. Direi però che il nostro target principale si piazza a metà, tra i 35 e i 45 anni: il motociclista maturo alla ricerca di un mezzo facile ed evocativo.

    Quali sono i competitor?
    Non ne vedo di diretti. Quella che più si avvicina, come stile, prestazioni e storia, è la Ducati con la Scrambler. Ma il loro è un prodotto che si piazza nella fascia premium, il Leoncino sarà più facilmente approcciabile.

    Quanto è importante il prezzo?
    È molto importante. Riuscire a stare entro i 6.000 euro con un alto livello di qualità ci permette di ampliare la base della nostra clientela.

    “Leoncino diventerà un brand, declinato in vari modelli”

    “Benelli è tornata grande, il Leoncino lo dimostra”
    La Benelli Leoncino 500 durante il test in anteprima esclusiva mondiale concesso a Motociclismo dalla casa di Pesaro.

    Dove è costruita la Leoncino?
    La costruzione di questo modello avviene interamente in Cina e questo ci consente di contenere il costo finale. Ma progettazione e sviluppo sono eseguiti in Italia: è qui che nasce la Leoncino.

    Qual è il vostro mercato di riferimento?
    La Benelli opera a livello planetario: Europa e Americhe hanno un peso importante, così come l’Asia. Il nostro mercato non è solo Cina.

    Che risultati di vendita vi aspettate da questo modello?
    Non possiamo ancora parlare di numeri, anche se ci sono già tante richieste. L’aspettativa comunque è alta. E la Leoncino diventerà presto una famiglia con una gamma articolata: un brand all’interno di Benelli.

    “Torneremo alle tre cilindri e agli scooter (anche elettrici)”

    “Benelli è tornata grande, il Leoncino lo dimostra”
    L'immancabile "leoncino" sul parafango anteriore della Benelli che porta il suo nome

    Avete definitivamente abbandonato le grosse cilindrate?
    Per adesso ci concentriamo su piccole e medie cubature, ma le grosse tre cilindri sono in continuo sviluppo: è un segmento molto importante nel quale torneremo presto.

    E gli scooter? Magari elettrici…
    Torneremo anche a fare scooter: il mercato li richiede e non saremo assenti. Quanto alla mobilità elettrica: è il futuro. Tutte le grandi Case dovrebbero essere presenti in questo settore e noi non ci tiriamo indietro.

    Anche il mondo delle 125 è in fermento.
    Le ottavo di litro rientrano nel nostro piano di sviluppo aziendale. Riceviamo feedback positivi dalle mini TnT (245 gli esemplari venduti da gennaio ad agosto 2017, ndr) e torneremo presto anche in Italia con 125 accattivanti.

    Dopo gli alti e bassi del recente passato, come sta oggi l’azienda Benelli?
    È in buona salute. Stiamo percorrendo la corretta via per la destinazione prefissata, ovvero consolidare la nostra presenza nel mercato con nuovi modelli.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA