Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Dodicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

TT 2017: Micheal Dunlop riporta alla vittoria la Suzuki GSX-R al Senior TT

10 giugno 2017
di Leonardo Parolo
Tourist Trophy 2017, risultati, classifiche e foto: Micheal Dunlop in sella alla nuova Suzuki GSX-R1000 vince il Senior TT, la gara più attesa dell’Isola di Man. Incidente per Hutchinson
  • Salva
  • Condividi
  • 1/9 Micheal Dunlop in gara in sella alla nuova Suzuki GSX-R1000

    Scarica gli allegati

    Ultimo atto sull’Isola di Man

    Dopo una settimana di gare quasi quotidiane, dopo aver lottato contro il tracciato, il meteo e i problemi tecnici è arrivata l’ultima gara, la più attesa e importante: il Senior TT. Le Superbike, le moto più veloci e potenti del circus mannese, sono tornate sul tracciato condotte dai top rider di ogni team. Grande assente, oltre a John McGuinness, anche Guy Martin, che al suo rientro al TT è costretto al ritiro a causa della caduta in Superstock. Occhi puntati su Micheal Dunlop che, dopo il ritiro nella prima gara SBK, cerca la riscossa in sella alla configurazione più potente della sua nuova Suzuki GSX-R1000. Cliccate qui per vedere le foto dei piloti in azione, mentre qui trovate tutti gli articoli e le gallery di questa pazza settimana sull’Isola di Man. In fondo all’articolo e in allegato, invece, le classifiche.

    TT 2017: Micheal Dunlop riporta alla vittoria la Suzuki GSX-R al Senior TT
    Micheal Dunlop in partenza durante il Senior TT

    Senior TT: Dunlop riporta in auge la Suzuki, ma che gara!

    TT 2017: Micheal Dunlop riporta alla vittoria la Suzuki GSX-R al Senior TT
    Ian Hutchinson durante il Senior TT, brutta caduta per lui durante il terzo giro, diagnosticata frattura al femore

    La partenza del Senior è un vero rito: le moto si accendono una ad una, i piloti si avvicinano alla casella di partenza, pacca sulla spalla e via, si parte! La prima a partire è la Norton di Johnson, ma dopo pochi km al comando c’è Peter Hickman, che porta la sua BMW in testa seguito da Micheal Dunlop, determinato più che mai dopo il ritiro nella gara SBK. Il primo giro è un susseguirsi continuo di sorpassi: Dunlop, Hickman, Hutchinson, Ramsey e Harrison sono protagonisti di un duello che infiamma tutti i primi due giri della gara. Nel corso del secondo giro però, sul tratto del Mountain, la fotocellula di Bungalow non rileva la BMW di Hutchinson e al traguardo vengono esposte le bandiere rosse: incidente. I piloti vengono fatti rientrare e la gara viene sospesa: Hutchinson è caduto e, dopo un primo momento di allarmismo, arriva una “buona” notizia: Hutchy è caduto sì, ma le conseguenze sono tutto sommato ridotte, una frattura al femore certo non è un graffio, ma il timore che fosse davvero successo qualcosa di grave era fondato. La direzione gara dopo aver verificato le condizioni del pilota Tyco BMW decide di far riprendere la gara dopo 20 minuti: si correranno i rimanenti 4 giri.
    Lo schieramento di ri-partenza cambia: Saiger entra in gara nonostante la caduta al Gooseneck, Pagani è costretto al ritiro a casa di un guasto tecnico e Rutter cambia moto, lascia ai box la BMW in configurazione SBK e torna in sella alla Stock. Alla seconda partenza Micheal Dunlop comanda il gruppo e grazie a un ritmo martellante si porta dietro solo Anstey e Harrison con Hickman che dopo una piccola défaillance viene su alla grandissima per ricucire il distacco con il terzetto di testa. Il pilota BMW Smiths Racing sembra davvero averne di più: si sbarazza in fretta di Anstey e Harrison e si getta all’inseguimento della lepre: Micheal Dunlop. La lepre in questione però continua a essere un puntolino lontano: con una media di 132,3 mph resta inavvicinabile e per quanto Hickman ci provi, transita con 4,3 secondi di distacco al primo giro. Dietro intanto Harrison sembra voler puntare alla seconda posizione, ma Hickman mantiene il vantaggio. Tutto regolare al pit stop, purtroppo Anstey e Mercer si ritirano. Negli ultimi due giri la classifica non si stravolge e dopo altri due passaggi Micheal Dunlop passa sotto la bandiera a scacchi con 11 secondi di vantaggio su Hickman seguito a sua volta (sempre di 11 secondi) da Harrison. Quarto posto per Rutter, seguito dalle Norton di Brookes e Johnson. Stefano Bonetti ha chiuso 24esimo mentre Alex Polita ha tagliato il traguardo del Senior in 36esima posizione.

    TT 2017, Senior TT: la classifica

    Pilota Moto/Team Tempo Velocità media (mph)
    Michael Dunlop Suzuki / Bennetts Suzuki 01:09:24.711 130.456
    Peter Hickman BMW / Smiths Racing 01:09:38.031 130.040
    Dean Harrison Kawasaki / Silicone Engineering 01:09:48.216 129.724
    James Hillier Kawasaki / JG Speedfit Kawasaki 01:10:11.713 129.000
    Michael Rutter BMW / Bathams SMT Racing 01:10:12.357 128.981
    Joshua Brookes Norton 01:10:28.793 128.479
    David Johnson Norton / Norton Motorcycles 01:10:31.471 128.398
    Conor Cummins Honda / padgettsmotorcycles.com 01:10:58.288 127.589
    Martin Jessopp BMW / Riders Motorcycles BMW 01:11:09.747 127.247
    William Dunlop Yamaha / Temple Golf Club 01:11:10.616 127.221

    © RIPRODUZIONE RISERVATA