Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Dodicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

In moto dalla Terra del Fuoco all'Alaska per un progetto umanitario

29 gennaio 2016
di Nicolas Patrini
La cucina, lo sport e una BMW R 1200 GS Adventure saranno protagonisti di Surfing Road, un viaggio a scopo benefico in favore dei bambini brasiliani della regione del Maranaho. Il lungo itinerario di Simone Zignoli e Marcella Bienati attraverso l’America parte a febbraio e attraversa 20 Paesi
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7 Simone Zignoli e Marcella Bienati a bordo della BMW R 1200 GS Adventure con cui attraverseranno l'America, dalla Terra del Fuoco fino all'Alaska

    In moto per 18 mesi

    I protagonisti di questa avventura saranno il 39enne Simone Zignoli, cuoco ed ex ristoratore con un passato sportivo a livello agonistico con la maglia della nazionale Albanese (Mondali professionistici di ciclismo Copenaghen 2012) e Marcella Bienati, 28 anni, dottoressa in scienze motorie e personal trainer. I due partiranno nel mese di febbraio da Buenos Aires alla volta della Terra del Fuoco dove, puntando la bussola verso nord, attraverseranno ogni singola nazione del Sud America. In questo lungo viaggio solidale Simone e Marcella approderanno anche nelle isole di Porto Rico e della Repubblica Dominicana, per poi proseguire fino al Centro America, agli Stati Uniti e successivamente in Canada e Alaska. Il lungo viaggio durerà 18 mesi e i paesi attraversate saranno in totale 20.

    Cucina e sport: un punto d'incontro verso la solidarietà

    In moto dalla Terra del Fuoco all'Alaska per un progetto umanitario

    I temi portanti di questa avventura saranno la cucina e lo sport: Simone andrà alla ricerca delle tradizioni culinarie più particolari e affascinanti, scovando trucchi e segreti dalle popolazioni che incontrerà durante il viaggio per documentarli attraverso recensioni, foto e video. Marcella, attraverso la sua esperienza, svilupperà un originale programma di allenamento dedicato sia al passeggero che al motociclista; un allenamento itinerante in alcune fra le più belle location del pianeta. Lo scopo principale di Simone e Marcella sarà quello di lavorare alla realizzazione di eventi legati alla cucina italiana al fine di raccogliere fondi da destinare ad alcune missioni che li ospiteranno strada facendo; tutto questo anche attraverso l’aiuto di un loro carissimo amico e cuoco, di origini italiane che vive in Sudamerica da diversi anni: Aldemaro Mancosu.

    Il “Progetto speranza” e il progetto “Scuola famiglia agricola”

    Il viaggio avrà come obiettivo principale la raccolta fondi a favore di due progetti localizzati a Sucupira do Norte, nella regione del Maranaho, in Brasile: il “Progetto speranza”, dedicato a bambini in età scolare (primi quattro anni di scuola), e il progetto “Scuola famiglia agricola”, per ragazzi più grandi (secondi quattro anni di scuola), centrato sulla formazione specifica in merito alle tecniche agricole per migliorare la qualità della vita dei contadini al fine di scongiurare il pericolo dell’esodo verso le periferie urbane, disagiate in quelle zone del Brasile. L’obiettivo generale sarà quello di occuparsi concretamente dell’educazione di bambini e ragazzi della fascia più povera della zona. 

    L'unione fa la forza

    In moto dalla Terra del Fuoco all'Alaska per un progetto umanitario

    Simone e Marcella hanno offerto, oltre al progetto Surfing Road, la loro disponibilità a Mauro Dagna, viaggiatore come loro e promotore di “Albero etico”; un progetto che contribuisce all’inserimento di ragazzi affetti dalla sindrome di Down nel mondo del lavoro. Dove sarà possibile i due viaggiatori saranno lieti di organizzare attività ricreative di sport e cucina per questi ragazzi.
     
    Tra gli sponsor tecnici del lungo viaggio attraverso l’America ci sarà MyTech, l’Azienda lombarda specializzata nella realizzazione di accessori moto. MyTech fornirà a Simone e Marcella le valigie per la BMW GS 1200 Adventure usata per il viaggio (qui trovate tutto quello che c’è da sapere sulla maxi enduro tedesca).

    Per saperne di più potete visitare il sito di Surfing Road (che però è attualmente under construction).

    © RIPRODUZIONE RISERVATA